Alaska

Curiosità sull’Alaska: tutto quello che non sai

alaska-highwayGli americani chiamano l’area dell’Alaska anche con l’appellativo di “ultima frontiera“. Curiosità che ne hanno fatto la storia. Da queste parti coste, fiumi, foreste, montagne e ghiacciai restano in buona parte incontaminati e la fauna selvatica, anche rara, sa regalare forti emozioni. Ecco, dunque, che vi capiterà di trovarvi relativamente vicino agli orsi bruni a caccia di salmoni o noterete i leoni marini che lottano tra di loro. Ancora, non mancano le mandrie di Caribù che attraversano la tundra. La zona è tanto affascinante da essere stati istituiti diversi parchi nazionali, anche se l’estrazione del petrolio e l’urbanizzazione che avanza restano dei pericoli temibili.

Nel 1867 il segretario di stato statunitense William Seward, acquistò l’Alaska dalla Russia per cinque centesimi l’ettaro. Era una immensa regione deserta e per tutti divenne un luogo da chiamare “la follia di Seward”. Da quel momento, però, vi furono pompati miliardi di barili di petrolio e oggi le cose sono cambiate. Non manca però la tutela dell’area che resta comunque importante pure per i suoi grandi numeri. La costa per esempio è carica di penisole e di fiordi. Il Mount McKinley è la montagna più alta del Nordamerica e Juneau è l’unica capitale di uno stato degli Usa che si può raggiungere solo in nave o in aereo. 

Fino al 1942 l’Alaska non si poteva raggiungere via terra, ma poi le cose cambiarono perché i giapponesi cominciarono a minacciare la regione e il governo pensò di costruire un collegamento stradale  attraverso il Canada. Iniziò un lavoro duro lungo un tracciato di circa 2300 km dalla cittadina canadese di Dawson Creek nella British Columbia a sud e la Delta Junction a nord. La curiosità è che in otto mesi, il percorso era già attraversabile. In seguito, dopo la guerra, divenne però la Highway, l’autostrada dai grandi numeri percorribile tutto l’anno nonostante le condizioni atmosferiche e i cambiamenti stagionali anche significativi.

Photo Credit: Thinkstok

Lascia un commento