Grizzly

Gli orsi dell’Alaska: abitudini e curiosità

orsi alaska

Un numero impressionante di presenze: pensate che in Alaska vivono tra i 30mila e i 40mila orsi bruni. Si trovano ovunque, soprattutto nelle foreste pluviali costiere e nella tundra del nord. Il dato curioso è il colore della loro pelliccia che tende a cambiare, non tanto per la zona in cui si trovano, quanto per il cibo che riescono a reperire. Si, perché si tratta di creature con un forte spirito di adattamento in grado di modificare pure le loro dimensioni in determinate condizioni di vita.

Gli orsi dell’Alaska più piccoli, di solito, mangiano bacche e piccoli roditori. Lungo la costa invece, sono davvero enormi, visto che possono approfittare della caccia ai calorici salmoni. Ce ne sono alcuni davvero impressionanti e di solito li troverete nel Katmai National Park o sulla Ridiak Island. Pensate che da queste parti, gli orsi in piedi possono raggiungere una altezza di tre metri. Il peso, invece, tocca i 500 kg.

Gli orsi dell’Alaska sono detti pure kodiak e i grizzly in generale, sono i predatori terrestri più grandi della regione. Attenzione a non provocarli per nessun motivo, visto che sono più pericolosi di quanto sembra. Questo a dispetto dall’impressione che regalano di essere in un certo senso quasi docili. Scappando non trovereste comunque scampo, visto che sono velocissimi e, in ogni caso, è sempre meglio muoversi in certi ambienti con guide specializzate. Possono raggiungere una velocità di 60 km/H e, come se non bastasse sono pure degli eccellenti arrampicatori. Insomma, si salvi chi può davvero. In ogni caso, con un minimo di accortezza e seguiti da chi conosce bene il luogo, non correrete pericoli inutili e potrete godere al meglio di questo luogo con tutti i suoi panorami e la sua fauna, anche rara. Il viaggio, come diciamo spesso, non è scontato o convenzionale, perché l’Alaska è un tratto di mondo unico.

Photo Credit: Thinkstock

Lascia un commento