Hawaii Discovery2


Kauai: gran tour dell’isola

Durata
15 Giorni
Prezzo di partenza
1.660,00 €

1° GIORNO
Arriverete all’aeroporto di Lihue, a Kauai. Qui ritirerete la macchina in noleggio e vi dirigerete verso Princeville, nella parte settentrionale dell’isola. Quando arriverete al vostro hotel,  accomodatevi e scoprite le bellezze del luogo. Oppure semplicemente rilassatevi e godetevi il magnifico panorama!

2° GIORNO
Dopo il primo giorno di acclimatamento fate una lauta colazione in albergo, poi vi dirigete verso ovest. A soli dieci minuti di auto giungerete all’Hanalei Bay Beach Park. L’intera Hanalei Bay è una lunga distesa di sabbia bianca, interrotta solo dall’Hanalei Pier, dove il fiume Hanalei si getta nel mare. Montagne maestose abbracciano la baia ed al mattino, quando l’oceano è come uno specchio, si può vedere la loro sagoma riflessa nelle acque cristalline. L’area è famosa per il surf, ed è la meta preferita di molti surfers locali e stranieri. Ci sono molte compagnie che offrono la possibilità di affittare l’attrezzatura necessaria o se siete dei principianti potete prendere lezioni, per godere appieno l’atmosfera della baia. In serata spostatevi poi ad Hanalei Town: questa deliziosa cittadina può offrire molto, da punti di interesse storico a gallerie d’arte contemporanea. Respirate l’atmosfera unica che essa può offrire e gustate i piatti tipici locali, davvero squisiti.

3° GIORNO
La mattina del terzo giorno prendete la Kuhio Highway (Highway 56) e dirigetevi verso l’entroterra di Kauai. Qui inizierete una fantastica avventura attraverso le foreste e le valli dell’isola! Avrete occasione di osservare la rigogliosa flora che rende Kauai un paradiso terrestre e di immergervi nella maestosità della foresta tropicale. Il percorso prevede inoltre 9 zip lines (una zip line è una piccolo funivia, un cavo metallico al quale verrete assicurati tramite un’imbracatura), grazie alle quali volerete sulle cime degli alberi e potrete ammirare dall’alto le bellezze che Kauai può offrire. L’ultima delle zip line è poi un’avventura a se: salite su una rampa alta 8 metri e tuffatevi in una discesa mozzafiato di quasi 400 metri, un’esperienza davvero unica nel suo genere! Il tour prevede anche la sosta in una piscina naturale nascosta: immergetevi nelle acque cristalline, e ristoratevi dopo il cammino. Qui verrà inoltre servito un delizioso picnic, a base di specialità locali. Al termine della giornata tornerete in albergo, per riposarvi dopo una giornata all’insegna dell’avventura.

4° GIORNO
Il Waimea Canyon è sicuramente una delle meraviglie della Garden Island. Dedicate un’intera giornata alla scoperta di questa parte remota e inaccessibile dell’isola, incastonata nella parte occidentale. Il Waimea Canyon, che Mark Twain rinominò il Grand Canyon del Pacifico, si estende per 15 chilometri e le sue pareti si innalzano per più di mille metri, creando uno spettacolo impareggiabile. Il canyon si è formato nel corso dei secoli a causa dell’erosione delle acque che scendevano dalla vetta del monte Waialeale. Lasciate il vostro hotel e dopo circa un’ora e mezza d’auto arriverete a Kekaha, dove è situato il Kokee Natural History Museum. Qui potrete avere molte informazioni e mappe dei sentieri che si snodano nel Kokee State Park, la riserva che comprende anche il Waimea Canyon. Ci sono percorsi di difficoltà e lunghezze diverse, quindi fatevi consigliare dal personale del museo su quale potrebbe essere più adatto per voi! Una volta scelta la vostra escursione dirigetevi verso il Kokee State Park ed immergetevi nella sua natura incontaminata. I sentieri sono segnalati, ma una mappa potrebbe essere d’aiuto. Lungo la strada ci sono molti punti panoramici, che svettano sulle profondità del Waimea Canyon; il più imponente è di sicuro il Waimea Canyon Overlook: fermatevi ad ammirare il canyon in tutta la sua grandezza, non ne rimarrete assolutamente delusi. Cena libera.

5° GIORNO
Prendete di nuovo la Kuhio Highway e svoltate dopo pochi minuti di tragitto nella Kalihiwali Road. Prendete poi la Anini Road e godetevi una giornata all’Anini Beach Park. Anini Beach, sulla costa nord di Kauai, è una spiaggia lunga quasi 5 chilometri, protetta da una delle più lunghe barriere coralline delle Hawaii, che rendono le acque della spiaggia tranquille e sicure. Proprio l’assenza di correnti e il mare calmo fanno di Anini Beach un ottimo luogo dove fare snorkeling: la laguna è casa di numerose specie marine, come il pesce balestra, il pesce pappagallo e il pesce unicorno. Grazie alle sue acque limpide e alla sua ricca vita sottomarina, molti considerano Anini Beach uno dei posti migliori dove fare snorkeling su Kauai. La brezza marina che soffia sulla zona porta inoltre qui molti amanti del windsurf. Kite boarding, kite surfing e wind surfing sono tutte attività che richiamano visitatori da ogni angolo del mondo e che vi danno la possibilità di godere appieno tutto ciò che l’Anini Beach Park ha da offrire.

6° GIORNO
La mattina del sesto giorno vi sveglierete di buon’ora per recarvi ad Hanapepe Bay, che si trova nella parte meridionale dell’isola. Qui inizierete una delle esperienze più entusiasmanti della vostra vita, che vi porterà a scoprire la bellezza maestosa della NaPali Coast: 30 chilometri di natura incontaminata, con i pinnacoli verdi delle montagne, alti 1200 metri, che torreggiano sul mare. Gli storici credono che i primi dell’abitatori dell’isola si siano stanziati proprio in questo angolo inaccessibile dell’isola, che però forniva loro tutto il necessario per sopravvivere: sorgenti, valli fertili verso l’interno, vegetazione spontanea ed un mare ricco di pesci da poter pescare. Dopo aver ammirato la costa attraverserete il canale che separa Kauai da Niihau, “L’isola proibita”. Con una popolazione di soli 250 abitanti, è la più piccola delle isole abitate delle Hawaii, ed è stata per lungo tempo off limits per i visitatori. Una volta giunti a Niihau vi tufferete nelle acque limpide per una giornata all’insegna dello snorkeling, durante la quale potrete godere l’unicità della conformazione dell’isola. Dopo aver visitato Niiahu tornerete di nuovo ad Hanapepe Bay. Da qui spostatevi verso ovest lungo la Salt Pond Road e rilassatevi nel Salt Pond Beach Park. Ideale per fare il bagno e per prendere il sole indisturbati, il Salt Pond Beach Park è stato utilizzato per generazioni dai nativi dell’isola per la produzione di sale naturale. Godetevi l’atmosfera tranquilla, che ha reso questa spiaggia una delle preferite dagli abitanti della zona.

7° GIORNO
Dirigetevi ad ovest lungo la costa. Dopo circa 15 minuti di tragitto arriverete ad Haena Point, dove è situata Tunnels Beach. Incastonata tra Hanalei Beach e la NaPali Coast, Tunnels Beach è una delle spiagge più incantevoli di Kauai. Le montagne che circondano la baia fanno da magnifico sfondo alla spiaggia, che è sicuramente uno dei luoghi più eccitanti dell’isola per fare snorkeling, diving o surf. Ciò che la rende unica è la sua ampia laguna e le sue imponenti barriere coralline: Tunnels Beach ha infatti due barriele coralline, una interna ed una esterna, quest’ultima talmente imponente da essere visibile anche dallo spazio! E sono proprio le gallerie, i tunnels, che si aprono nella barriera corallina a dare il nome alla spiaggia, e che la rendono così particolare. La barriera interna è l’ideale per le famiglie e per gli snorkelers principianti, mentre quelli più esperti di solito si avventurano nella scoperta di quella esterna, formata da gallerie scavate nella lava e da formazioni coralline spettacolari. Qui si possono incontrare tantissime varietà di pesci e di altre specie marine, tra cui lo squalo pinna bianca del reef, il pesce pappagallo e le tartarughe. Tunnels Beach è inoltre un ottimo posto per il body surf, il surf ed il wind surf, grazie alle sue onde perfette.

8° GIORNO
La mattina dell’ottavo giorno vi recherete all’aeroporto di Lihue, nella parte meridionale di Kauai, dove avrà inizio per voi una giornata all’insegna dell’esplorazione della Big Island, l’isola di Hawaii! Dopo essere atterrati ad Hilo una guida vi accompagnerà al Kalapana Eruption Site. Ricoperto di lava fusa dopo un’eruzione nel 1990, questo è un punto perfetto per osservare la lava fluire dal vulcano Kilauea verso l’Oceano Pacifico. Il Kilauea è uno dei vulcani più attivi al mondo ed è uno dei cinque enormi vulcani che insieme formano l’isola di Hawaii. Per i nativi dell’isola esso rappresenta il corpo di Pele, la dea del vulcano delle antiche leggende hawaiane. Molte formazioni laviche hanno preso il loro nome proprio dalla dea, come le Lacrime di Pele (piccole gocce di lava che volano nell’aria durante le eruzioni) e i Capelli di Pele. Il tour proseguirà poi attraverso l’Hawaii Volcanoes National Park, toccando il cratere Halema’uma’u, sulla sommità del Kilauea. Vi sposterete poi verso il Kilauea Iki Crater, il quale offre la vista di vapori vulcanici di gas sulfurei che fuoriescono dal cratere. Scenderete poi, sempre all’interno dell’Hawaii Volcanoes National Park, nella Pristine Native Rainforest. Camminate attraverso i percorsi lussureggianti della foresta pluviale e osservatene la flora e la fauna, come gli uccelli e le lucertole multicolori adagiate sugli alberi. Entrate poi nell’eccezionale Thurston Lava Tube, un tunnel di lava vecchio di 500 anni: scoperto nel 1913 da un editore locale, il tunnel è ciò che rimane di un fiume di lava che scorreva impetuoso dalla cima del Pu’u O’o fino alle acque dell’Oceano. Visiterete poi il Jaggar Museum: situato alla base del vulcano Kilauea, al suo interno c’è una collezione di oggetti e strumentazioni utilizzati dagli scienziati per lo studio del vulcano. Ci sono inoltre dei sismografi, che registrano senza sosta l’attività incessante del Kilauea. La giornata continuerà poi alle Rainbow Falls, una delle cascate più belle al mondo. Qui il fiume Wailuku compie un salto di 25 metri, sorvolando una caverna che le leggende locali raccontano essere la casa della dea Hina. L’acqua della cascata si riversa in una magnifica piscina naturale di acqua turchese, circondata da una lussureggiante flora tropicale. Visitate infine Hilo Town e le sue spiagge di nera sabbia vulcanica, formatesi a seguito delle eruzioni del vulcano Kilauea. A fine giornata tornerete all’aeroporto di Hilo, dal quale partirete di nuovo alla volta di Lihue, per poi tornare a prendervi un po’ di meritato riposo nelle vostre stanze.

9° GIORNO
Spostatevi ad ovest verso Waimea: arriverete quindi al Polihale State Park. Il parco è situato nella parte più occidentale di Kauai ed eccezion fatta per l’isola di Niihau rappresenta il punto più a ovest delle intere Hawaii. Parcheggiate ed arrivate a piedi alla spiaggia attraverso dune alte anche 30 metri. Polihale Beach è una spiaggia selvaggia, dove non è consigliabile fare snorkeling a causa delle forti correnti. Il paesaggio in compenso vi toglierà il fiato: la spiaggia di Polihale si incontra infatti a nord con la alte scogliere della NaPali Coast, rendendo questa parte di Kauai un luogo da sogno. Godetevi la calma di questa spiaggia bianca, di solito poco affollata. A causa del mare aperto, è consigliabile fare il bagno solo nella parte meridionale del parco, a Queen’s Pond. Grazie alla sua posizione geografica, il tramonto qui è davvero unico. Restate finché il sole non si tuffa nell’Oceano, un’esperienza simile è davvero da provare una volta nella vita!

10° GIORNO
Il decimo giorno guidate verso sud per circa 45 minuti fino a Lihue. Da qui inizierà il vostro tour in elicottero: sedetevi e gustatevi lo spettacolo. Potrete così ammirare dall’alto la maestosità di Kauai! Il vostro viaggio inizierà sorvolando la spettacolare Hanapepe Valley, per poi continuare sulle Mana Waipuna, comunemente note anche come le “Jurassic Park Falls”. Il nome è dovuto al fatto che il regista Steven Spielberg ha scelto queste cascate e la foresta circostante come set per il suo famosissimo film Jurassic Park! Il tour continuerà poi sull’Olokele Canyon per poi arrivare all’impressionante Waimea Canyon, il famoso Gran Canyon del Pacifico! Sarà poi la volta della spettacolare della NaPali Coast e delle Bali Hai Cliffs, per poi arrivare al mare incontaminato di Hanalei Bay e della zona di Princeville. Alla fine visiterete le Wailua Falls e, se il tempo lo permette, il cratere spento del vulcano Waialeale. Volare nel centro del cratere con le sue pareti alte 1500 metri che vi circondano è un’esperienza davvero mozzafiato, il miglior modo per terminare in bellezza il vostro tour! Farete poi ritorno all’aeroporto di Lihue. È una buona occasione per conoscere un po’ la cittadina, che è la più movimentata dell’isola a causa dell’aeroporto e del porto commerciale di Nawiliwili Harbor. Fate un salto a Kalapaki Beach, o approfittate per conoscere la storia e l’arte di Kauai visitando il Kauai Museum, il Grove Farm Homestead Museum o il Kilohana Estate.

11° GIORNO
Guidate verso sud fino a Koloa. Qui farete la vostra prima lezione di immersione! Questo programma è perfetto per chiunque non abbia nessuna esperienza: verrete infatti introdotti al mondo dello scuba diving da istruttori qualificati, che vi daranno prima delle nozioni teoriche, per poi farvi testare in piscina ed in tutta sicurezza ciò che avete imparato. Vi verranno fornite tutte le attrezzature necessarie e proverete l’ebbrezza della vostra prima immersione! Una volta terminato questo mini corso sarete pronti per affrontare l’oceano nel pomeriggio. Salirete su una barca che vi porterà in mare aperto ed una volta divisi in gruppi, i più esperti da una parte ed i novizi dall’altra, potrete tuffarvi insieme agli istruttori e scendere fino ad una profondità di 15 metri. Sarete così testimoni della vita sottomarina di Kauai e potrete vivere un’esperienza davvero fenomenale! Non è difficile scorgere in queste acque molte specie, come tartarughe marine, murene, polipi, rane pescatrici, aragoste e una varietà infinita di pesci tipici della barriera corallina. Un’esperienza davvero da non perdere, per nessun motivo al mondo.

12° GIORNO
Prendete la strada verso est per un breve tragitto in macchina fino al Kilauea Lighthouse. Il faro si trova su una stretta penisola che si innalza 200 metri oltre il livello del mare ed è considerato una delle attrazioni più famose di Kauai. Costruito nel 1913 per guidare le navi mercantili di passaggio, il faro, alto 15 metri, rappresenta un posto fantastico per la sua collocazione geografica. Da qui c’è una favolosa vista sull’aspra costa settentrionale e sulle acque profonde che la bagnano. Vicino al Kilauea Lighthouse c’è poi il Kilauea Point National Wildlife Refuge, una riserva dove nidificano moltissime specie di uccelli marini che scelgono questo remoto angolo di Kauai come casa. Qui potrete osservare la sula dai piedi rossi, l’albatro di Laysan, il fetonte codarossa, l’oca delle Hawaii, il piviere dorato del Pacifico, le grandi fregate, con la loro apertura alare di due metri e mezzo ed un’infinità di altre specie. Nelle acque sottostanti è inoltre possibile vedere delfini, megattere, tartarughe marine e foche monache, avendo modo così di essere testimoni della complessità e della bellezza della fauna di Kauai. Una volta esplorata l’area fate ritorno al vostro albergo, o se siete amanti dello sport, potrete usufruire di uno dei tanti campi da golf che la zona intorno a Princeville mette a disposizione.

13° GIORNO
La mattina si parte per lo Spouting Horn Park, che si trova a sud di Kauai. Lo Spouting Horn è una delle meraviglie naturali dell’Isola Giardino. Il fenomeno è possibile grazie ad una fessura che si apre nella costa frastagliata e quando le onde si infrangono sugli scogli l’acqua si incanala in questa apertura, venendo spruzzata in aria per 15 metri: un vero è proprio geyser, anche se di natura leggermente diversa. C’è un’altra fessura vicino allo Spouting Horn, ma questa non spruzza acqua, bensì solo aria, facendo però un rumore davvero caratteristico. Un’antica leggenda ci spiega cosa provocherebbe questo rumore: narra infatti che un tempo una lucertola gigante (mo’o) fosse a guardia di questa parte della costa, e che mangiasse coloro che provavano a fare il bagno o a pescare in queste acque. Un giorno però un uomo che stava facendo il bagno venne attaccato da mo’o, e per scappare saltò attraverso la fessura dello Spouting Horn, mentre la grande lucertola non riuscì a passarvi attraverso, rimanendo bloccata. La leggenda dice che mo’o è lì ancora oggi, e piange e si lamenta a causa della fame e del dolore. Dopo aver goduto della vista dello Spouting Horn prenderete di nuovo l’auto e vi sposterete ad Hanapepe Bay, dove nel primo pomeriggio partirà un tour in barca che vi porterà di nuovo ad ammirare la magnificenza della NaPali Coast. Non c’è niente come un tramonto a Kauai, e non c’è modo migliore di ammirarlo che dall’acqua. Guardate i colori della costa cambiare mentre il sole cala nell’oceano, e se sarete fortunati potrete vedere le balene di passaggio in queste acque. Il tour terminerà di nuovo a Port Allen nella Hanapepe Bay e qui potrete approfittare per un lauto pasto prima di tornare nelle vostre stanze.

14° GIORNO
Dirigetevi a sud per circa un’ora, fino a che non arriverete al Poipu Beach Park. Esso comprende due delle spiagge più famose di Poipu, Poipu Beach e Brennecke Beach. Palme da cocco ondeggianti mettono in risalto i prati verdi del parco e forniscono a quest’area un profilo perfetto per dei tramonti sensazionali. Padiglioni sparsi qua e là e tavoli da picnic offrono riparo dal sole cocente e sono un ottimo posto per mangiare qualcosa. Non a caso Poipu Beach è stata più volte designata come la miglior spiaggia d’America. La baia è divisa in due: una parte è più protetta dalle correnti ed è l’ideale per i bambini o per coloro che non sono buoni nuotatori; l’altra parte è ottima per nuotare e per fare snorkeling. Vicino alla spiaggia ci sono molte compagnie che offrono il noleggio di attrezzature per attività di qualsiasi tipo, dal body surf al surf e così via. Le due parti della baia sono divise da una striscia di sabbia che è spesso occupata dalle foche monache, che sanno bene quanto può essere piacevole quest’angolo di Kauai! Ci sono solo circa 1200 foche monache ormai in tutte le Hawaii e la grande maggioranza risiede proprio nella Garden Island. Da Poipu Beach è inoltre possibile avvistare megattere e tartarughe verdi marine, nonché l’humuhumunukunukuapuaa, un variopinto pesce tropicale che abita le scogliere coralline dell’isola. C’è un curioso detto, secondo il quale la parola humuhumunukunukuapuaa è più lunga del pesce stesso! Dedicate la vostra giornata a scoprire le bellezze del parco, oppure approfittate dei negozi che si trovano a pochi metri per fare un po’ di shopping o per assaggiare i manicaretti che i cuochi locali sapranno offrirvi.

15° GIORNO
Trasferimento all’aeroporto, rilascio autovettura e volo di rientro