Le Reve House Adventure

La Chinatown di Vancouver: curiosità sulla sua storia

scoprire chinatown a vancouver

Vancouver e Chinatown sono strettamente legate ed è molto interessante conoscerne un poco la storia prima di decidere di visitare la zona. E’ un’area più vecchia della città stessa pensate e nel 1858 arrivò in loco la prima ondata di  immigrati cinesi. Erano giunti in Canada, fondamentalmente, per un motivo: cercavano l’oro e quello che era poco più di un miraggio per loro significava cambiare vita. Era circa il 1810 e la Canadian Pacific Railroad decise di assumere tanti operai dagli occhi a mandorla. Il loro lavoro era intenso e serviva alla costruzione della nuova ferrovia.

Oggi oltre al mito resta la storia di Chinatown che che si estende da Carral a Gore Streets e accoglie ancora più calorosamente soprattutto gli immigrati asiatici. Nel 1970 è diventato un quartiere storico e ormai tappa obbligata da parte dei turisti che vogliono fare un salto direttamente nel passato di Vancouver.

Nel frattempo a Chinatown è iniziato il restauro della maggior parte delle sue case più belle con i tetti elaborati e le balconate coperte. L’arteria principale è Prender Street il posto più indicato per ammirare il meglio dell’architettura che completa i piani superiori degli edifici. Osservate, ad esempio, le splendide balconate in legno dipinto o le insegne piene di ideogrammi colorati. Non manca l’atmosfera insomma e potete provare anche il meglio della cucina locale, certi che si tratta di quella originale. I ristoranti di buona qualità di tipo asiatico non mancano e la principale attrazione turistica è il cibo. Intorno anche negozi, panetterie, erboristerie tradizionali e gioiellerie specializzate in giada. Ancora, potrete sedervi nelle tranquille sale da tè o al famoso Dr. Sun Yat-Sen Chinese Garden che soprattutto in estate offre dolci, bevande tipiche e propone spettacoli e concerti serali di musica a tema cinese. Il tutto in una atmosfera romantica con la luce soffusa delle lanterne. Un posto da vedere, da scoprire, da non dimenticare.

Photo Credit: Thinkstock