Le Reve House Adventure

Alaska: Whitehorse, la terra dei cercatori d’oro

Alaska Highway

E’ la terra dove alla fine sono arrivati i cercatori d’oro. Whitehorse accolse questi avventurieri, sfiniti, che avevano attraversato il White Pass. Il loro viaggio verso l’Alaska però fu destinato a continuare dopo una sosta e da qui si spostarono verso nord. Utilizzarono dei battelli a ruota che navigavano lungo lo Yukon nel tratto successivo alle grandi rapide.

Quando si cominciò a costruire l’Alaska Highway, per Whitehorse fu un momento importante e improvvisamente si ritrovò protagonista, in primo piano in tutto il territorio. Se volete conoscere di più sull’argomento, potete certamente fare un giro al McBride Museum dove oggi sono conservati vecchi attrezzi di cercatori d’oro. Noterete poi arnesi da minatore e oggetti che fanno parte dell’artigianato artistico indiano. Ancora, alla Old Log Church risalente al 1900 non manca una esposizione permanente sulla storia delle missioni religiose nello Yukon Territory.

A richiamare l’interesse dei turisti, oggi, ci pensa anche l’SS Klondike, che lavorava molto ai tempi del cercatori d’oro. Si tratta, infatti, del battello a ruota che si trova fermo all’estremità meridionale della Second Avenue. Scivolava lungo l’acqua sullo Yukon tra Whitehorse e Dawson City. Terminato il tour, potete tornare verso Haines Juncton e prendere l’Alaska Highway fino al Kluane Lake sul confine orientale del Kluane National Park. Il paesino in questione, vanta Haines Junction, vanta una popolazione di appena 500 persone e un tempo era nato con una funzione del tutto differente. Era infatti un campo militare durante la costruzione dell’Alaska Highway. Da queste parti la Haines Highway incrocia l’Alaska Highway proveniente da Whitehorse. Quest’ultimo è poi a 111 km di distanza e certamente merita di essere visitato con calma, durante un viaggio in Alaska. Del resto, se giungete fino a qui quasi certamente avrete qualche giorno in più a disposizione. Si tratta di un soggiorno importante che va pianificato e poi gustato fino in fondo, perché destinato a rimanere nei ricordi per sempre.

Photo Credit: Thinkstock